Il Centro Interuniversitario di Studi sull’Edilizia abitativa tardoantica nel Mediterraneo (CISEM) è stato costituito su iniziativa del Dipartimento di Scienze Storiche, Archeologiche e Antropologiche dell’Università di Roma "La Sapienza", tra l’Università degli Studi di Roma "La Sapienza", l’Università degli Studi di Bologna, l’Università degli Studi di Enna, l’Università degli Studi di Foggia e l’Università degli Studi di Padova, al fine di gestire iniziative comuni riguardanti attività di ricerca, didattica e formazione in questo specifico settore di studi. 

Negli ultimi anni, infatti, anche a seguito di nuovi scavi e grazie a ricerche condotte sull’edilizia residenziale tardoantica ed altomedievale nelle diverse regioni del Mediterraneo, tutte le scienze dell’antichità sono state sollecitate a fornire contributi conoscitivi e indicazioni operative in merito al miglioramento delle metodologie di indagine e degli interventi di musealizzazione e valorizzazione del patrimonio storico-archeologico. 

Il Centro Interuniversitario di Studi sull’Edilizia abitativa tardoantica nel Mediterraneo è stato costituito dunque al fine di approfondire, integrare e sviluppare le conoscenze scientifiche in questo settore dell’archeologia tardoantica e, contestualmente, per affrontare in un’ottica interdisciplinare le tematiche legate alla valorizzazione e fruizione di siti e monumenti avvalendosi anche dell’apporto delle nuove tecnologie applicate ai beni culturali. 

  1. Il Centro si propone di:promuovere, coordinare ed eseguire attività di ricerca nel campo dell’archeologia tardoantica; favorire lo scambio di informazioni fra gli Istituti e Dipartimenti delle Università convenzionate, anche nel quadro di una collaborazione con altri Istituti o Dipartimenti universitari e con Centri di Ricerca di Enti pubblici e privati che operano nel settore, soprattutto in ambito internazionale
  2. promuovere iniziative di divulgazione scientifica e di collaborazione interdisciplinare a livello nazionale ed internazionale
  3. promuovere accordi di collaborazione con istituzioni straniere che si occupano di ricerche simili
  4. organizzare convegni, incontri di studio, seminari ed ogni altra iniziativa di comunicazione scientifica volta attraverso una collaborazione interdisciplinare a valorizzare e diffondere le iniziative e i risultati prodotti dal Centro

 

Consiglio scientifico         

Isabella Baldini - Università di Bologna

Gian Pietro Brogiolo - Università di Padova

Alexandra Chavarria Arnau - Università di Padova

Carla Sfameni - Istituo di Studi sul Mediterraneo Antico - CNR

Giuliano Volpe - Università di Foggia

 

Membri ordinari del Centro:  Enzo Lippolis, Domenico Palombi, Daniela Esposito (Sapienza Università di Roma); Antonella Coralini, Salvatore Cosentino, Clementina Rizzardi, Daniela Scagliarini, Riccardo Villicich (Università di Bologna); Roberta Giuliani, Maria Turchiano (Università di Foggia);

Membri associati: Isabel Rodà de Lanza, Jordi Lopez, Marta Prevosti, Josep M. Macias (ICAC), Lourdes Giron Anguiozar (Università di Cadice), Jerzy Zelazowsky (Università di Varsavia), Marco Cavalieri (università Cattolica di Louvain), Yuri Marano (College de France, Paris).