Programma 2020-21

PROGRAMMA EDIZIONE 2020-21

Tutti gli eventi dell'edizione 2020-21 sono organizzati dal Dipartimento di Scienze Economiche in collaborazione con il Mulino e l'Associazione Prometeia, con il patrocinio della Camera di Commercio della Romagna - Forlì Cesena e Rimini e di Punto Europa.

Gli allegati e i materiali di approfondimento riferiti agli incontri sono disponibili nella sezione multimedia del sito.

UN MONDO NUOVO? CAMBIAMENTO CLIMATICO E RICONVERSIONE PRODUTTIVA NEGLI SCENARI POST-PANDEMIA

Martedì 20 ottobre 2020, 17:00 - 18:30

Online (senza iscrizione): live streaming dal canale YouTube del Dipartimento di Scienze Economiche

Come da DPCM del 18 ottobre 2020, “sono sospese tutte le attività convegnistiche o congressuali, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza”, pertanto è annullata la partecipazione in presenza all’evento.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * 

L' attività umana ha generato un aumento delle temperature medie nel mondo di circa 1°C nel 2017 da prima della rivoluzione industriale (1850-1870). Vedi https://www.ipcc.ch/sr15/.

È impossibile impedire che le temperature globali aumentino meno di +1,5°C entro il 2030. Però si può – anzi si deve - evitare che l'aumento vada oltre la soglia di +2°C.

Questo obiettivo richiede una riduzione delle emissioni globali di CO2 di circa il 25% fra il 2010 ed il 2030, e l'azzeramento delle emissioni nette attorno al 2070.

Tre sono le vie per raggiungerlo:

  • Rendere più costose le emissioni di CO2 (eliminare i sussidi e tassare l'uso dei combustibili fossili)
  • Introdurre vincoli per eliminare o limitare le emissioni di CO2
  • Incentivare le attività economiche che non producono CO2.


Nessuna di queste strade, da sola, è sufficiente a portarci all'obiettivo: vanno percorse simultaneamente, ed in modo rapido e risoluto!

È una soluzione troppo costosa, per le imprese e quindi per i cittadini/consumatori?

Niente affatto: anzi, è un'opportunità per nuovi investimenti, che creerà almeno tanti nuovi posti di lavoro quanti ne verranno eliminati.

È una strada che la Commissione Europea ha imboccato in modo risoluto:

  • Con lo “European Green Deal”, si vuole raggiungere la “carbon neutrality (zero emissioni nette) per il 2050. Questo farà dell'Europa il primo continente climate-neutral.
  • La Presidente von der Leyen ha proposto di aumentare almeno al 55% (rispetto al 40%) l'obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2. 
  • Il 37% dei fondi di Next Generation EU sarà destinato direttamente agli obiettivi del Green Deal europeo.


E in Italia?

L'Italia ha elaborato il PNIEC (Piano nazionale integrato per l'energia e il clima, dicembre 2019), che recepisce le indicazioni della Commissione. Molti altri provvedimenti vi hanno fatto seguito nei mesi scorsi, ed altri ancora dovranno seguire.

La domanda:

Quali provvedimenti possono consentire di affrontare in modo risolutivo la mitigazione del cambiamento climatico, minimizzando i costi e massimizzando le opportunità di crescita? Cosa ne pensano economisti ed imprenditori?


Discutono:


Modera: